Jonathan Safran Foer

Jonathan Safran Foer , classe 1977, ha frequentato la Princeton University dove gli sono stati assegnati vari premi di scrittura creativa. Ha pubblicato sulle riviste "Paris Review", "Conjunctions", e "The New Yorker". Il successo è arrivato con il romanzo "Ogni cosa è illuminata", cui ha fatto seguito "Molto forte, incredibilmente vicino". Del 2005 il film di Liev Schreiber "Ogni cosa è illuminata", con Elijah Wood nei panni dello stesso Foer ed Eugene Hutz, il leader dei Gogol Bordello. Nel 2007 è stato incluso nel Granta's Best of Young American Novelists. Del 2009 il saggio "Se niente importa" sulla scelta vegetariana (Foer ha scelto di non mangiare carne sin dall'adolescenza) e sul rispetto per l'esistenza degli animali.
Risultati trovati: 10
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.