Marie-Aude Murail

Nata a Le Havre, Marie-Aude Murail respira letteratura sin da piccola, essendo figlia di un noto poeta e di un'affermata giornalista. Laureatasi in Lettere moderne alla Sorbona, con una tesi sull'adattamento del romanzo classico ad un pubblico infantile, inizia la sua carriera presso la casa editrice Éditions Mondiales e pubblica più di cento racconti su riviste femminili tra il 1980 e il 1987. Dopo l'esordio a metà degli anni Ottanta con due romanzi per adulti ("Passage" e "Voici Lou"), decide di dedicarsi esclusivamente alla letteratura per l'infanzia, dando vita a tre serie molto fortunate, dedicate rispettivamente a Emilièn Pardini, a Nil Hazard e a l'Espionne. Nella sua sconfinata bibliografia sono da ricordare anche racconti fantastici come "Golem" (2003), scritto insieme ai fratelli, in cui fanno irruzione elfi domestici e vampiri, e quelli dedicati ad un pubblico di giovani adulti, caratterizzati da un'iniziazione ai problemi sociali e politici, in una sorta di pedagogia drammatica della vita dotata di una buona dose di ironia.
Risultati trovati: 24
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.