Valerio Varesi

Valerio Varesi è un giallista di culto, tra i più letti e tradotti anche fuori dall'Italia. Nato a Torino nel 1959 da genitori parmensi, dopo la laurea in Filosofia a Bologna ha lavorato come giornalista alla "Gazzetta di Parma" e come corrispondente per "La Stampa" e "la Repubblica". Il suo esordio nella narrativa risale al 1998 con "Ultime notizie di una fuga", liberamente tratto dal famoso caso Carretta. Ha poi pubblicato nel 2000 "Bersaglio l'oblio", in cui compare per la prima volta il commissario buongustaio Soneri. Contemporaneamente firma un racconto per la raccolta "Aelia Laelia Crispis", redatta assieme ad altri undici scrittori e ispirata alla omonima e misteriosa lapide bolognese che tanto incuriosì Gérard De Nerval. Nel 2002 è la volta del terzo giallo, "Cineclub del mistero", vincitore del Premio Fedeli. Seguono dal 2004 al 2010 ben otto romanzicon protagonista il commissario Soneri, molti dei quali, nel 2005, hanno ispirato una miniserie televisiva prodotta dalla Rai. Nello stesso periodo pubblica anche "Le imperfezioni" e "Il paese di Saimir", opere non legate alla saga che lo ha reso famoso.
Risultati trovati: 21
Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.