Il concetto di identificazione proiettiva - Bookrepublic

FORMATO

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 21,99

Descrizione

Per primo Freud, poi Abraham e Ferenczi, come pure Anna Freud, contribuirono a delineare la nozione di 'identificazione', ma il concetto di 'identificazione proiettiva' fu introdotto nel linguaggio della psicoanalisi nel 1946 da Melanie Klein. Il concetto kleiniano di identificazione proiettiva ha sollevato un inusuale interesse tra gli psicoanalisti, sia per il suo ipotetico ruolo nello sviluppo infantile sia per avere gettato nuova luce sulla comunicazione tra paziente e analista. Esaminando i lavori editi e inediti presenti nell'Archivio Melanie Klein, le autrici risalgono alle origini del concetto e ricostruiscono la sua successiva evoluzione nell'opera dei kleiniani inglesi, nonché la storia di come esso sia stato accettato o rifiutato o trasformato da parte di analisti di diverse scuole psicoanalitiche in Gran Bretagna, Europa e America.

Dettagli

Dimensioni del file

952,3 KB

Lingua

ita

Anno

2018

Isbn

9788834025093

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.