Gli ultimi Re di Roma

di

Saggi Sposito

Gangemi Editore

Gli ultimi Re di Roma - Bookrepublic

Gli ultimi Re di Roma

di

Saggi Sposito

Gangemi Editore

FORMATO

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 31,99

Descrizione

Quando il Passato può dirsi davvero passato? Anche da questa domanda e dalla relativa risposta trova la sua origine questo libro sui Re Tarquini di Roma. Ai fatti narrati da Tito Livio e Dionigi di Alicarnasso la voce narrante – il dotto bibliotecario imperiale Marco Quinzio Spurinna – aggiunge il motore occulto della Brama di Potere, simboleggiata dal Tesoro trasmesso da Demarato ai Tarquini. Una fitta trama di sogni rivelatori o profetici percorre l'intera storia e fa da tramite con il mondo iperuranio e ultrasensibile degli Dei e proprio in uno di questi messaggi Collatino vedrà l'origine della prossima Gloria – ma anche della futura Caduta di Roma – nel Tesoro reso maledetto dai crimini del Superbo e della folle moglie Tullia. Vale però anche il detto “E Pluribus Unum”: proprio dal travaglio del periodo regio nascerà – non più latino sabino o etrusco – il Civis Romanus, mentre come esito finale di questo antico processo di sincretismo culturale e globalizzazione mediterranea giungerà – dopo il tempo dei Re e della Res Publica – quello dell'Impero. Vi è quindi, al cuore di tutto, la centralità dell'Asylum e dell'accoglienza allo straniero, persino ai suoi Dei e alla sua religione – pur sempre con il costante e saggio limite della invalicabile sottomissione alla Legge dello Stato; vi è la questione del rapporto tra Potere Civile e Potere Religioso; vi è la relazione – misteriosa eppure vivissima – tra mondo degli uomini e mondo degli Dei; vi è la grande filosofia ellenica e l'affascinante “weltanshauung” del mondo arcaico. Gli Antichi invero ritenevano che al volgere di un Grande Anno – fatto di secoli o ere più che di giorni o ore – potessero ripetersi epocali eventi del Passato. Siamo forse ora alle soglie di un nuovo Grande Anno? Non sarebbe opportuno riflettere – e molto – sulle lezioni del Passato, anche di quello apparentemente più remoto? È dunque possibile, alla fine di tutto, affermare con certezza che il Passato dei Re Tarquini di Roma sia veramente passato? Silvio Sposito è nato a Roma nel 1950. Medico con radicati interessi umanistici, è stato per numerosi anni Presidente di una storica Associazione Culturale romana dedita a valorizzare e diffondere tra i soci gli immensi valori storici archeologici e artistici di Roma e del Lazio. L'autore ha voluto ora cimentarsi per la prima volta in una “storia romanzata”: si tratta infatti della Storia degli ultimi tre Re romani, arricchita di ipotesi interpretative che vanno a colmare i numerosi vuoti della storia ufficiale. Spinta iniziale è l'interesse da sempre coltivato per il mondo arcaico greco etrusco e romano, mondo che trova una delle sue massime espressioni nel periodo della Grande Roma dei Tarquini. Altra importante motivazione è stato il riscontro di sorprendenti analogie e corrispondenze tra quel mondo, in apparenza così distante da noi, e il nostro mondo contemporaneo con tutti i suoi travagli e irrisolti conflitti. Rimane infatti sempre valida la celebre definizione che Cicerone dà della Storia: “Historia vero testis temporum, lux veritatis, vita memoriae, magistra vitae, nuntia vetustatis”.

Dettagli

Categorie

Saggistica, Storia

Dimensioni del file

12,5 MB

Lingua

ita

Anno

2019

Isbn

9788849249712

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.