Antonio Cipolla architetto del Risorgimento

di

Paolo Portoghesi

Gangemi Editore

Antonio Cipolla architetto del Risorgimento - Bookrepublic

Antonio Cipolla architetto del Risorgimento

di

Paolo Portoghesi

Gangemi Editore

FORMATO

DISPONIBILE ANCHE IN

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 25,99

Descrizione

Di formazione napoletana, attivo in molte regioni italiane, dalla Lombardia all'Emilia, alla Toscana, al Lazio, combattente nella seconda guerra d'Indipendenza, Antonio Cipolla, nato nel 1823 e morto nel 1875, quattro anni dopo la conquista di Roma, si può a buon diritto considerare un tipico frutto della cultura risorgimentale. Le opere più significative sono: il palazzo della Cassa di Risparmio di Roma, le sedi della Banca d'Italia di Firenze e di Bologna, l'ospedale psichiatrico di Imola e la chiesa di S. Spirito dei Napoletani a Roma. A Firenze aveva realizzato un effimero ponte sull'Arno per celebrare le nozze di Umberto I con Margherita di Savoia. PAOLO PORTOGHESI Paolo Portoghesi (Roma 1931) è il battagliero sostenitore di una architettura “radicata” che interpreti la tradizione non come un meccanico trasferimento di abitudini acquisite, ma come stimolo alla innovazione nella continuità di alcune premesse che esprimono l'identità dei luoghi e delle culture umane nella loro preziosa diversità. Per questo ha fatto suo il detto di Gustav Mahler: “Tradizione è custodire il fuoco, non adorare le ceneri”. La sua opera più nota è la Moschea di Roma inaugurata nel 1995. Tra le sue opere recenti: le chiese di Santa Maria della Pace a Terni, dei Santi Cornelio e Cipriano a Calcata e San Francesco a Castellaneta, il Quartiere Latino di Treviso, il Quartiere Rinascimento a Roma, la Moschea di Strasburgo, il Parco Urbano di Abano, il Cimitero di Cesena, i laboratori della “Città della Speranza” a Padova, il nuovo quartiere a Senigallia. I suoi libri più importanti: Roma Barocca, 1966; F. Borromini, architettura come linguaggio, 1967; Dopo l'architettura moderna, 1980; L'angelo della Storia (1984); Architettura e Natura, 1995; Geoarchitettura, 2005; La mano di Palladio, 2007. Tra le numerose monografie sulla sua opera: C. Norberg Schulz, Alla ricerca della architettura perduta, 1975; G. Priori, L'architettura ritrovata, 1985; M. Pisani, P. Portoghesi, 1987; G. Massobrio, S. Tuzi, M. Ercadi, Paolo Portoghesi architetto, 2001; G. Seminario, L'architettura come riflesso dell'anima, 2009; F. Gottardo, P. Portoghesi architect, 2011.

Dettagli

Dimensioni del file

22,9 MB

Lingua

ita

Anno

2012

Isbn

9788849274806

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.