Rimini nello stato pontificio - Bookrepublic

FORMATO

Adobe DRM

DISPOSITIVI SUPPORTATI

computer

e-reader/kobo

ios

android

kindle

€ 4,99

Descrizione

Gli ultimi anni del Duecento registrano una svolta importante per la città, sia sul piano interno, con il prevalere dei Malatesta, che nel 1295 superano i rivali Parcitade e si avviano a diventare signori della città, sia all’esterno con l’assorbimento di Rimini e del suo contado nello Stato della Chiesa, da quando nel 1278 Rodolfo d’Asburgo rinuncia ai residui diritti imperiali sulla Romagna. Questo fa sì che la crisi del periodo avignonese e quella del cosiddetto "scisma d'occidente" investano la città in maniera più drammatica. Da Avignone i papi esercitano il loro controllo spirituale sul Riminese, avocando a sé in maniera sistematica l’approvazione e la nomina dei vescovi. Forse l’ultimo originario della zona fu il vescovo Federico Balacchi (1303-1321) di Santarcangelo...

Dettagli

Dimensioni del file

13,5 MB

Lingua

ita

Anno

2012

Isbn

9788880497912

Informativa e consenso per l'uso dei cookie
Questo sito utilizza, fra gli altri, cookie tecnici, cookie di marketing generico anche di terze parti, cookie di profilazione di terze parti. I cookie servono a migliorare il sito stesso e l'esperienza di navigazione degli utenti. Per conoscere tutti i dettagli, può consultare la nostra cookie policy qui. Cliccando sul pulsante "Ho capito", accetta l’uso dei cookie.